Uomo Biologico
4 Ottobre 2017
La Sicurezza in Medicina
4 Ottobre 2017

Medicina Estetica e Psicologia

NGiorni fa durante una delle tante trasmissioni che in RAI "Porta a Porta" dedica alla Medicina Estetica un tale di nome Morelli, credo di ricordare, ha tuonato in tutte le lingue contro la Medicina Estetica e, a suo parere, gli sprovveduti ed incoscenti che vi si rivolgono. In pratica il Dr. Morelli (di mestiere fa lo psicologo) sosteneva con sorprendente veemenza che la Medicina Estetica e' qualcosa di inutile, innaturale, immotivato e pericoloso. Ci sono rimasto davvero male. Non tanto perché la Medicina e Chirurgia Estetica rappresenta il mio lavoro da più di venti anni ma perché dopo tutto questo tempo e tutte le migliaia di pazienti visitati e trattati so che non e' cosi'. E' vero, alcune volte i pazienti hanno aspettative irrealistiche generate soprattutto da una scorretta informazione, ma nella stragrande maggioranza dei casi si tratta di persone "normali" che vogliono semplicemente togliersi qualche piccola soddisfazione e migliorare la propria autostima ottimizzando alcuni aspetti del proprio fisico.

E' vero che la Medicina Estetica, essendo in tutto e per tutto una branca della Medicina ha le sue indicazioni, controindicazioni e possibili effetti collaterali cosi' come, in alcuni casi, nonostante la corretta applicazione di tutti i protocolli e le tecniche approvate dalla comunità scientifica i risultati non sono sempre perfettamente prevedibili ma questo fa parte dell'imprevedibilità delle umane cose. Anche lo sport o andare in vacanza può essere pericoloso. Per fortuna le statistiche ci dicono che, quando la Medicina Estetica viene praticata da professionisti esperti e coscienziosi, gli effetti collaterali sono estremamente rari rispetto ai milioni di interventi e procedure praticate ogni anno. E' altresì vero purtroppo che ogni volta che succede qualcosa, ancor prima di chiarire la dinamica e le responsabilità dell'accaduto, la notizia rimbalza subito sui media, o meglio, sul format RAI Porta a Porta. E' vero che la Medicina Estetica potrebbe essere considerata inutile da alcuni punti di vista; ma allora mi verrebbe da chiedere al Prof Morelli cosa e' veramente utile ? Rubando la battuta al mio Anestesista "" gli esseri viventi hanno bisogno solo di respirare, nutrirsi a assicurare il mantenimento della specie, d'altronde tutti gli animali di tutte le specie fanno solo queste tre cose ! Allora tutto e' inutile ! "" Suvvia Professore, proprio lei che dovrebbe conoscere tutte le sfumature della psiche umana fa finta di ignorare il profondo disagio che il disestetismo corporeo può generare in alcuni casi, con implicazioni personali e sociali a volte molto gravi ? "" O l'immensa soddisfazione che può scaturire dalla semplice attenuazione di una ruga? Lei sostiene che la ruga è l'espressione della storia individuale della persona, del suo vissuto, qualcosa di prezioso che non va cancellato. E' una definizione bellissima, glie lo dico con rispetto ed ammirazione ma lei sa che non e' solo questo. Purtroppo una ruga che diventa ogni giorno più profonda, una pelle che perde elasticità e compattezza, una chioma che si fa sempre più rada ci ricordano impietosamente anche della nostra mortalità e del nostro destino. Quanto vorremmo che non fosse cosi'..... Il cercare di attenuare questi segni rappresenta un tentativo di "esorcizzare" il Destino, illudersi di potergli sfuggire. E' un tentativo ingenuo, sicuramente Inutile, ma può darci quel briciolo di soddisfazione in più. La più bella definizione che ho sentito dare della Felicita' e' " una somma infinita di momenti di gioia". Purtroppo sappiamo che, almeno nella nostra vita terrena, non arriveremo neanche a sfiorarla la felicita', pero' lasciamo almeno che ognuno, nel rispetto della libertà altrui, possa cercare nella maniera che preferisce i propri momenti di gioia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *